Cartoline dalla transumanza

Belati, ragli, scampanìo e un gran brucare. Sono i suoni che ci circondano da una decina di giorni a questa parte: è tempo di transumanza, un vero e proprio spettacolo. Come ogni anno i pastori sono a spasso con le greggi, e a questo giro, in particolare, si stanno trattenendo proprio a pochi passi da casa nostra.
Nei prati e nei campi a noi familiari spuntano i recinti mobili che delimitano i movimenti del bestiame: pecore e capre con i nuovi nati, e poi cani, asini, cavalli.

A vedere questi quadretti – greggi che danno una bella ranzata alla vegetazione e si fanno a loro volta ranzare, o meglio tosare, sotto lo sguardo di grandi&piccini accorsi per l’occasione – sembra che il rapporto tra il territorio e l’antichissima attività della pastorizia sia idilliaco.
Non è proprio così.
La convivenza tra le bestie e un ambiente iper antropizzato è difficile. Ci sono tutte le dinamiche del mondo agroalimentare che pesano sull’attività dei pastori.  La “verde Brianza” è in realtà una delle aree più urbanizzate d’Italia, e gli spazi per i pastori e gli armenti vanno riducendosi sempre di più. A Biassono, racconta un articolo proprio di oggi del Corriere, la transumanza si scontra con il cemento, e questa tradizione fa sempre più fatica a sopravvivere.
Chissà se il pastore intervistato è proprio il padrone delle greggi che abbiamo incontrato noi nei giorni scorsi tra Usmate Velate, Casatenovo, Lesmo e Camparada.
Chissà quanto sono antichi i percorsi del bestiame che sembrano incrociarsi in modo casuale con le strade nuove, e che invece sicuramente un senso millenario ce l’hanno.

A questo tema il fotografo Stefano Carnelli ha dedicato un libro, Transumanza, che è stato presentato nei giorni scorsi a Biassono: si può vedere una preview del volume sul sito dell’autore e si può acquistare contattandolo.

Noi speriamo di incontrare nuovamente i nostri amici lanuti anche l’anno prossimo.

IMG_6893
Gregge al pascolo presso Corte Giulini, Usmate Velate
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: