Come siamo mainstream

Lo dice Coldiretti:

Con l’arrivo del caldo sono oltre 20 milioni gli italiani che si sono messi al lavoro negli orti, nei giardini o e nei terrazzi per dedicarsi, oltre che alla tradizionale cura dei vasi di fiori, alla coltivazione “fai da te” di lattughe, pomodori, piante aromatiche, peperoncini, zucchine, melanzane. È quanto emerge dalla studio della Coldiretti divulgato nei mercati di Campagna Amica (…)

Dal terrazzo all’orto ci passa un’autostrada (facciamo una greenway), ma ciò non toglie che siamo in buona compagnia.

Se in passato erano soprattutto i più anziani a dedicarsi alla coltivazione dell’orto, memori spesso di un tempo vissuto in campagna, adesso – sottolinea la Coldiretti – la passione si sta diffondendo anche tra i più giovani e tra persone completamente a digiuno delle tecniche di coltivazione.

Siamo noi! Giovani e completamente a digiuno.

Durante i mercati di Campagna Amica, Coldiretti porta in piazza i “tutor dell’orto”, con il compito di indirizzare i novellini. E pare che fare il personal trainer orticolo sia diventato un lavoro di tendenza.

Noi siamo molto fortunati: siamo circondati da tante persone che non sanno nemmeno di chiamarsi tutor, ma ci consigliano e ci aiutano. Senza di loro, non avremmo nemmeno cominciato. Nel nostro pezzettino di Brianza fare l’orto è qualcosa di naturale. Ci si scambiano pareri e segreti, oltre a semi e piantine.
Pian piano si scopre una rete “verde” fatta di passaparola e regali agricoli. Il bel glicine che ci saluta ogni giorno, da una villetta sulla via di casa, abbiamo scoperto essere il discendente della pianta di una zia; l’ortensia sul balcone viene da una talea di una pianta della mamma di Felson, che a sua volta era nata dalle piante della nonna. Le sementi e i bulbi viaggiano nel vicinato. E il cavolo nero piantato da noi in enorme quantità lo scorso anno,  a questo giro -dopo aver generato scalpore- sta germogliando in altri orti del circondario. Ma questa è storia per un altro post.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: